Topic outline

  • General

  • Docente

    Luca Salmieri

    Calendario degli esami di Sociologia della Cultura e Sociologia dei processi culturali.

    • 11.02.2016, ore 9.00, aula B7 
    • 25.02.2016, ore 9.00, aula B7
    • 09.06.2016, ore 9.00, aula B7
    • 23.06.2016, ore 9.00, aula B7
    • 07.07.2016, ore 9.00, aula B7
    • 22.09.2016, ore 9.00, aula B7
    • 19.01.2016, ore 9.00, aula B7

    Orazio delle lezioni di Sociologia della cultura

    Lunedì, Martedì e Mercoledì, ore 10.00-12.00, aula B14

    • Programma di studio 2015/2016

      Il corso di Sociologia della cultura 9 crediti è un'introduzione ragionata al complesso percorso del concetto di cultura nelle scienze sociali ed in particolare in sociologia. A partire dalla rottura della distinzione illuminista tra cultura come forma delle espressioni elevate di una civiltà e cultura come insieme delle caratteristiche generali di un popolo, vengono passate in rassegna, dibattute e discusse le definizioni più importanti della cultura in ambito antropologico e sociologico, sino ad arrivare alla riflessione della sociologia della cultura dei nostri giorni. Sopratutto si osservano i legami tra tali definizioni, lo sviluppo delle metodologie che ne derivano e i diversi aspetti della cultura oggetto della ricerca e dell’analisi sociologica. La sociologia della cultura viene inoltre osservata alla luce delle influenze dirette o mediate di alcuni classici del pensiero sociologico ed in particolare di Durkheim, Weber. Marx, Simmel, Parsons. In seguito vengono affrontati i risvolti più recenti della sociologia della cultura e della sociologia culturale a partire e a seguito della cosiddetta ‘svolta culturale’ degli anni ’70.

      Testi obbligatori per studenti frequentanti

      1. Piccone Stella, S. e Salmieri, L. (2012), Il gioco della cultura. Attori, processi, prospettive, Collana Frecce, Carocci, Roma, pagine 352, € 28,00.

      2. Pierre Bourdieu, (2001), La distinzione: critica sociale del gusto, Collezione Biblioteca, Il Mulino, Bologna, pagine 546, € 29,00.

      Testi obbligatori per studenti NON frequentanti

      1. Piccone Stella, S. e Salmieri, L. (2012), Il gioco della cultura. Attori, processi, prospettive, Collana Frecce, Carocci, Roma, pagine 352, € 28,00.

      2. Pierre Bourdieu, (2001), La distinzione: critica sociale del gusto, Collezione Biblioteca, Il Mulino, Bologna, pagine 546, € 29,00.

      Un testo a scelta tra i seguenti: 

      3a. Katia Ballacchino, Etnografia di una passione. I Gigli di Nola tra patrimonializzazione e mutamento ai tempi dell'UNESCO, Armando Editore, Roma, pagine 320,  € 25,00

      3b. Richard Sennett, (2012), La cultura del nuovo capitalismo, collana Biblioteca paperbacks, pagine 152, € 12,00

      3c. Letteria Fassari, (2014), Poplife: Il realytismo tra mimetismo e chance sociale, Collezione Biblioteca di testi e studi, Carocci, Roma, pagine 117, € 13,00

      3d. Jean Baudrillard, (2014), Miti fatali. Twin Towers, Beaubourg, Disneyland, America, Andy Warhol, Michael Jackson, Guerra del Golfo, Madonna, Jeans, Grande Fratello (a cura di Vanni Codeluppi), collana comunicazione e società, Milano, Franco Angeli, pagine 96, € 15,00

      ////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

      Il corso di Sociologia dei processi culturali, modulo crediti 6 è un'introduzione ragionata al complesso percorso del concetto di cultura nelle scienze sociali ed in particolare in sociologia.

      Testi obbligatori per studenti frequentanti

      1. Piccone Stella, S. e Salmieri, L. (2012), Il gioco della cultura. Attori, processi, prospettive, Collana Frecce, Carocci, Roma, pagine 352, € 28,00.

      Testi obbligatori per studenti NON frequentanti

      1. Piccone Stella, S. e Salmieri, L. (2012), Il gioco della cultura. Attori, processi, prospettive, Collana Frecce, Carocci, Roma, pagine 352, € 28,00.

      2. Pierre Bourdieu, (2001), La distinzione: critica sociale del gusto, Collezione Biblioteca, Il Mulino, Bologna, pagine 546, € 29,00.

      ////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

      Il corso di Sociologia dei processi culturali, modulo progredito, crediti 3 intende fornire capacità di lettura sociologica dei fenomeni relativi alla produzione, organizzazione, distribuzione e fruizione delle diverse forme di cultura (musica, entertainment, editoria, teatro, etc) e legarle alla capacità di interpretare i fenomeni di idiocultura, vale a dire la creazione o la trasformazione della cultura a partire dalla vita quotidiana e dai piccoli gruppi. 

      Testi obbligatori per studenti frequentanti

      1. Piccone Stella, S. e Salmieri, L. (2012), Il gioco della cultura. Attori, processi, prospettive, Collana Frecce, Carocci, Roma, pagine 352, € 28,00. I capitoli 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 13, 15

      Testi obbligatori per studenti NON frequentanti

      1. Piccone Stella, S. e Salmieri, L. (2012), Il gioco della cultura. Attori, processi, prospettive, Collana Frecce, Carocci, Roma, pagine 352, € 28,00. I capitoli 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 13, 15

      2. Katia Ballacchino, Etnografia di una passione. I Gigli di Nola tra patrimonializzazione e mutamento ai tempi dell'UNESCO, Armando Editore, Roma, pagine 320,  € 25,00

      Attenzione!!!!!!!!!

      Sia per gli studenti frequentati che per gli studenti NON frequentanti è vivamente caldeggiato lo studio degli approfondimenti disponibili sulla piattaforma on line moodle al seguente indirizzo: https://elearning2.uniroma1.it/course/view.php?id=2726.

      Per accedere al corso on line è sufficiente inserire in username e password le stesse username e password che si utilizzano per l'accesso a Infostud, come mostrato nell'immagine a seguire.

      Obiettivi formativi:

      Approfondire in chiave critica i principali concetti di cultura nella versione sociologica e antropologica. Il quadro di riferimento sarà costituito dalle scienze sociali e dalla corrispondente evoluzione delle problematiche teoriche e di ricerca.

      Fornire una strumentazione interpretativa capace di inquadrare i contributi dei so-ciologi classici allo studio della cultura e dei suoi tratti più rilevanti: religione, ideologia, linguaggio, sistema simbolico, industria culturale.

      Offrire una ricognizione dei contributi antropologici al concetto e allo studio della cultura. Illustrare i principali cambiamenti nelle forme di cultura popolare, di massa e di elite nel corso del Novecento, con particolare riferimento alle subculture giovanili della seconda metà del secolo.

      Definire i processi di trasmissione, conservazione e cambiamento culturale.

      Riflettere sui diversi aspetti relativi al rapporto tra le dimensioni politiche e sociali da un lato e la cultura di massa dall’altro, in riferimento alle vicende e allo sviluppo dei prodotti dei mass media italiani prima e dopo la seconda guerra mondiale.

      Riflettere su i vari aspetti relativi alla cultura nelle dimensioni delle società contemporanee ed in particolare affondare i significati di subcultura, cultura di massa, produzione, ricezione e resistenza culturale, cultura politica e cultura economica.

      Offrire una piattaforma di orientamento conoscitivo rispetto gli attori e alle forme di mutamento culturale nella società contemporanea.

      Inquadrare i fenomeni delle subculture giovanili nell’ottica del confronto culturale tra cultura di massa, culture dominanti e controculture.

       

      • Prove di esame e frequenza al corso

        Si ricorda che per sostenere l'esame di Sociologia della cultura è necessario aver già sostenuto con esiti positivi gli esami di Storia del pensiero sociologico e Istituzioni di sociologia.

        Il corso si svolge nel secondo semestre. Le lezioni seguiranno la metodologia flipped classroom. A tale proposito gli studenti che ne dispongono, sono invitati a frequentare le lezioni con un notebook o un tablet. 

        La frequenza del corso non è obbligatoria.

        Gli studenti frequentanti con un minimo del 75% di presenze, al termine del corso, potranno scegliere di sostenere una prova scritta che li esonera dall'esame orale.  Coloro che in tale prova scritta ottengono una valutazione positiva e intendono migliorarla possono sostenere la prova orale. Il risultato della prova di esonero potrà essere verbalizzato o migliorato e verbalizzato entro e non oltre Gennaio 2017, dopodiché verrà considerato nullo. 

        Gli studenti non frequentanti sostengono l'esame orale così come coloro che hanno frequentato per un ordine di frequenza inferiore al 75% delle presenze. 

        Per chiarimenti sul programma d'esame o su parti di esso è possibile rivolgersi al docente durante l'orario di ricevimento oppure per email (luca.salmieri@uniroma1.it)

        • Assegnazione tesi

          Orientamenti di carattere generale:

          Si accettano proposte di tesi da parte di studenti che abbiano sostenuto l'esame di Sociologia della cultura, oppure Sociologia dei processi culturali o ancora di Politiche e culture giovanili con una votazione superiore ai venticinque trentesimi e che abbiano sostenuto l'esame con il docente in questione.

          Il momento migliore per procedere con la richiesta della tesi è quando si devono ancora sostenere almeno quattro esami per completare il monte di crediti previsti.

          Come richiedere la tesi:

          • Individuare un argomento di forte interesse per lo studente
          • Analizzare se tale argomento è alla portata dello studente (ad esempio, se uno studente ha una forte passione per il jazz, propone una tesi sul rapporto tra cultura afro-americana e nascita del jazz, ma poi non è in grado di leggere e comprendere la lingua inglese, tale progetto di tesi non è fattibile)
          • Redigere un brevissimo progetto di tesi, inviarlo al seguente indirizzo e-mail: luca.salmieri@uniroma1.it e chiedere un'appuntamento negli orari di ricevimento.

          Come redigere un breve progetto di tesi: 

          1. Descrivere in 5 righe l'oggetto di analisi sociologica
          2. Elencare gli interrogativi sociologici che si intende porre all'oggetto di analisi
          3. Descrivere liberamente le modalità attraverso cui si intende sviluppare il lavoro di tesi
          4. Redigere una breve bibliografia di partenza.

          Gli errori da non commettere:

          Non scegliere oggetti di analisi sociologica troppo ampi come ad esempio: i social network, il bullismo, la condizione delle donne, la violenza sulle donne, i giovani, etc etc

          Non individuare un argomento di tesi in funzione del docente. Per laurearsi è importante scegliere un argomento di proprio interesse e non di interesse del docente: il docente relatore è una conseguenza dell'argomento prescelto e non la causa. 

          Non scegliere argomenti di tesi rientranti in discipline di studio in cui non si è eccelso agli esami

          Non chiedere mai al docente quanto tempo è necessario per sviluppare la tesi. E' una questione che dipende dalle capacità e dal tempo a disposizione dello studente.

        • Topic 5

          • Topic 6

            • Topic 7

              • Topic 8